reato Terrorismo, avvocato penalista internazionale Roma Milano

Avvocato penalista Roma Milano per reato di terrorismo internazionale
Avvocato penalista Roma Milano per reato di terrorismo internazionale

Lo studio legale tratta reati come Estradizione internazionale, mandato di arresto europeo, detenzione internazionale, traffico di stupefacenti, traffico di essere umani, traffico di armi, traffico di organi, prostituzione.

Il fenomeno del terrorismo non è mai stato attuale come oggi. Ogni giorno, infatti, si sentono notizie relative ad avvenuti attentati che, in alcuni casi, si sarebbero potuti evitare, ma in altri era inimmaginabile che qualcosa del genere potesse accadere. Certamente, il terrorismo non è un fenomeno recente, ma è sempre esistito. Ciò che è cambiato, in realtà, sono le modalità con cui esso si verifica.


Il terrorismo è l’insieme di azioni criminali violente, premeditate e dirette contro la collettività o contro lo Stato, finalizzate a provocare terrore fra la gente o a determinare cambiamenti sul piano politico e su quello istituzionale, ed è per questo che gli attacchi terroristici possono essere interni o esterni allo Stato. Le organizzazione che si dedicano a ciò sono chiamate “organizzazioni terroristiche”, mentre l’individuo è definito “terrorista”.


L’avvocato penalista dovrà esaminare ciò che si trova nelle disposizioni interne, magari, studiando anche casi di giurisprudenza più importanti, il che dimostra la normativa complessa all’interno della quale si deve districare. È importante citare il Diritto internazionale, in cui il terrorismo viene incluso nei comportamenti che danneggiano i diritti umani fondamentali. Nell’ambito del Diritto penale, invece, è l’articolo 270 bis del codice penale a stabilire che, chiunque promuove, organizza o finanzia associazioni che mirano a commettere azioni violente su persone o cose finalizzate al terrorismo è punito con la reclusione da 7 a 15 anni.


In base alla legge penale, si parla di terrorismo anche quando gli atti di violenza sono compiuti contro uno Stato estero e contro un’organizzazione internazionale. Nel corso degli anni, sono state proposte misure volte a contrastare il terrorismo internazionale attraverso il consolidamento degli strumenti di indagine e controllo.


Cos’ è Il diritto internazionale?
Il diritto internazionale, chiamato anche "ius gentium", è la branca della legge che regola la vita della comunità internazionale.
Non dovrebbe essere confuso con il diritto internazionale, che, nonostante il suo nome internazionale, è l'insieme delle regole del diritto nazionale (quindi, regolato da una legge statale, e promulgate con le modalità previste dall'ordinamento dello Stato stesso) che risolvono i conflitti fra le disposizioni dei diversi ordinamenti giuridici applicabili ad un medesimo rapporto, quando esistono collegamenti a più di una legislazione nazionale.

Per completezza si ricorderà come le norme concordate fra gli Stati per l'uniforme regolazione del Diritto internazionale (ovvero tramite trattati econvenzioni internazionali) facciano invece parte del Diritto internazionale pubblico, trattandosi di norme che coinvolgono l'attività di organi statuali.
I crimini internazionali fanno capo al diritto penale internazionale che è una branca molto complessa del diritto penale concernente sia reati commessi all’estero da parte di cittadini italiani, sia reati commessi all’estero a danno degli stessi.


Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia le associazioni che promuovono la commissione di atti di violenza a scopo di terrorismo o di eludere l'ordine democratico è punito con la reclusione da sette a quindici anni.
Chiunque partecipa a tali associazioni è punito con la reclusione da cinque a dieci anni.


Ai fini della legge penale, lo scopo del terrorismo viene utilizzato anche quando atti di violenza sono diretti contro uno stato estero, un'istituzione e un organismo internazionale.
Le procedure di cooperazione giudiziaria internazionale possono essere adattate alla specificità della minaccia terroristica, ma il rispetto dei diritti umani rimane la condizione della loro validità. I diritti umani svolgono un ruolo centrale nella protezione della pace e della sicurezza internazionali, almeno quanto la lotta contro il terrorismo. Gli uni non devono essere sacrificati per l'altra.


La procedura penale definisce il modo di organizzare l'iter della reazione sociale nei confronti di una turbativa suscettibile di costituire un'infrazione. Al di là del suo aspetto tecnico e talvolta austero, la procedura penale costituisce una delle garanzie principali dello Stato di diritto.
Il diritto a un processo equo resta al centro della procedura penale e diviene il criterio di apprezzamento del rispetto dei diritti sostanziali da parte dei tribunali e, al di là, diviene in sé stesso un vero e proprio diritto sostanziale.


La funzione della procedura penale?
La procedura penale assume una doppia funzione (perseguire i delinquenti, ma anche permettere all'accusato di difendersi ed evitare la detenzione di un innocente) che permetterà di garantire l'affidabilità del processo penale, necessario alla protezione dello Stato di diritto e alla garanzia di una buona giustizia.


Cooperazione giudiziaria internazionale
Il rispetto dei diritti umani da parte dello Stato di emissione della richiesta d'estradizione sarà di fatto un parametro preso in considerazione all'atto dell'applicazione della richiesta.
Questo principio è applicato quali che siano i termini dei trattati di estradizione. Esso sottolinea il carattere inderogabile di alcuni obblighi in diritto internazionale che hanno per oggetto la protezione dei valori superiori e comuni a tutti, e che gli Stati non possono mettere da parte negli accordi reciproci.


A questo proposito, la Decisione-quadro sul mandato di cattura europeo non prevede esplicitamente la possibilità per gli Stati membri di rifiutare l'esecuzione del mandato di cattura nel caso in cui lo Stato richiedente non rispettasse alcuni dei diritti umani, come i principi fondamentali di procedura equa.


Allo stato attuale del diritto internazionale, il rispetto di una procedura equa facilita la cooperazione degli Stati nella lotta contro il terrorismo, proteggendo al contempo lo Stato di diritto. La messa in atto di un procedimento penale particolare, se non garantisce all'accusato il diritto effettivo di difendersi, non aiuterà affatto a lottare contro il terrorismo, ma potrà al contrario rafforzare la radicalizzazione dei movimenti contestatari.


 
 

avvocato penalista cassazionista roma milano napoli

email:[avvmassimoromano@gmail.com]

Lo studio legale è indirizzato al diritto penale nazionale e internazionale, siamo avvocati penalisti esperti e copriamo tutto il territorio nazionale con i nostri servizi, ci occupiamo di reati penali gravi - narcotraffico internazionale, usura, riciclaggio di denaro, estorsione, intimidazione, minacce, estradizione, mandato di arresto europeo, reati di mafia, associazione di stampo mafioso, truffa, omicidi, traffico di armi, corruzione e reati dei colletti bianchi, crimini internazionali, detenuti stranieri, italiani detenuti all’estero, mandato di arresto europeo.

 
 
© 2015 avvocatomilanoroma.com. All Rights Reserved. Designed By avvocatomilanoroma.com